Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale|Corpo della pagina

Internet Culturale: cataloghi e collezioni digitali delle biblioteche italiane

Il mio spazio personale:

Registrati ora! | Dimenticata la password?
Ricerca:

Cataloghi Biblioteca digitale Sito web

Home »  Collezioni  »  Vox Venetica. Bandi della Repubblica di Venezia, sec. 16.-17.

Menu della sezione


Temi:


EVENTI E NOVITA'

26.02.2015

Il 4 marzo 2015, a Roma, un workshop per fornire degli elementi di riflessione sull’opportunità di adozione delle licenze aperte e dei principi dei dati aperti nel settore dei beni culturali

19.12.2014

Da sabato 6 dicembre a sabato 28 febbraio si svolge la campagna social #hointestaunlibro

30.01.2015

E' il primo importante esempio di riuso degli Open Data dell’Anagrafe delle Biblioteche Italiane


Bookmark and Share

Pagina dei contenuti


VOX VENETICA. BANDI DELLA REPUBBLICA DI VENEZIA, SEC. 16.-17.

Fondazione Querini Stampalia

La Biblioteca della Fondazione Querini Stampalia conserva nelle sue raccolte un corpus di circa 8.000 titoli indicizzati nell’antico catalogo a schede alla voce Venezia. Gli esemplari coprono un arco temporale che va dal XVI alla prima metà del XX secolo, prodotti materiali per lo più dell’editoria veneziana, ma anche italiana ed europea. Le lingue rappresentate sono: l’italiano, il latino, il francese, l’inglese, il tedesco. La fisionomia della raccolta è delineata da un amplissimo spettro disciplinare, di cui letteratura e storia coprono circa la metà della consistenza. I testi provengono in gran parte dalla collezione privata dei Querini Stampalia e dagli acquisti e acquisizioni novecentesche della Fondazione.
La biblioteca ha da poco concluso la catalogazione e digitalizzazione di 3.269 proclami (parti, terminazioni, bandi, leggi) pubblicati dalle varie stamperie ducali tra il XVI e il XVIII secolo, per conto della Repubblica di Venezia. I documenti, prodotti in grande quantità al momento della pubblicazione, sono ora presenti nelle raccolte storiche di biblioteche, archivi, musei e istituzioni culturali quasi sempre come degli “unica”: come hanno dimostrato i lavori della prima tranche, si tratta di una tra le fonti principali per la ricostruzione della storia della Repubblica nei vari aspetti della vita sociale, politica, culturale, religiosa.